Archivi tag: Evoluzione

Il potere evolutivo delle nostre relazioni 

Foto di (c) Daniele T. – Percorsi Di Luce

Non ci sono mezze misure per dire certe cose, anche se questo vuol dire renderle poco appetibili o farle sembrare pazze.

Quindi, nel modo più semplice possibile: 

Ogni incontro nella nostra vita, banale o complesso, piacevole o spiacevole, è stato “organizzato” molto prima della sua realizzazione sul piano fisico. 

Ed è stato organizzato da noi, per noi, ma non unilateralmente. Due energie hanno deciso di incontrarsi perché ognuna di esse trae un beneficio da questo incontro. Un beneficio che potrebbe essere molto distante dall’idea che abbiamo di esso. Non sempre questo beneficio passa attraverso vissuti piacevoli. 

Che sia per imparare una lezione, che sia per far venir fuori una parte di noi o per acquisire una consapevolezza di cui siamo sprovvisti e altro ancora, tutte le persone con cui condividiamo frammenti della nostra vita le abbiamo evocate, ed esse hanno risposto al nostro richiamo come noi abbiamo risposto al loro. 

Se non siamo in grado di accedere a quelle parti di noi che hanno voluto quegli incontri, se non vogliamo aprire porte di stanze scomode, allora non avremo mai la possibilità di liberare il vero potenziale di ciò che siamo. 

E tutto continuerà a ripetersi perché ciò che non si risolve… ritorna. 

Vi accorgerete della natura delle vostre relazioni anche da questo… quelle che nascono per adempiere a uno scopo (per lo più evolutivo), si sciolgono in maniera spontanea non appena questo è stato integrato. 

Ma quelle con cui siete destinati a intraprendere un profondo scambio, resteranno attive anche dopo… e riconoscerle non è poi così difficile… 

Ciò che può semplificare e spesso rendere meno doloroso questo processo, è il semplice imparare ad essere prontamente consapevoli delle relazioni che si manifestano nella nostra vita… imparare ad ascoltarsi e soprattutto essere aperti e sinceri con sé stessi… tutto il resto viene di conseguenza. 

Come sempre l’importante è aprirsi, SENTIRE la natura energetica delle cose… PERCEPIRE…

Buona serata 😊

Daniele T. 

Foto e testo di Daniele Tosoni (Percorsi Di Luce). Copia, anche parziale, con citazione esplicita della fonte e senza modifiche alcune.

Annunci

I sogni dell’energia di Settembre e il loro messaggio

image
Immagine da repertorio Google Images

Care Anime in cammino,
non voglio fare in questo contesto premesse più lunghe del necessario, sarò diretto e andrò subito a parlare dell’argomento che dà il titolo a questo articolo.
Fare premesse inoltre sarebbe deleterio dal momento che tutti ne parlano: blog, siti internet, pagine facebook ecc ecc. Tutti parlano di questo momento cruciale per l’evoluzione umana e spirituale dell’essere umano, un’evoluzione che richiede un salto di consapevolezza, di impegno, di adesione all’energia del Tutto, della Fonte.
Settembre pare che sarà uno dei mesi più faticosi sotto questo punto di vista. Gli “stimoli energetici” in arrivo sono tanti, sono tante le chiamate che invitano al rinnovamento che, ricordiamocelo, passa sempre attraverso la presa di coscienza della nostra parte più oscura, oscura non nel senso di cattiva, malvagia, ma appunto non ancora illuminata dalla nostra consapevolezza.
Un’ulteriore conferma di questo processo ci viene maestosamente donata dall’ampio contesto di eventi cosmici e planetari, tra cui due eclissi di sole, una “luna di sangue”, il solstizio d’autunno. Per saperne di più vi basterà leggere gli ultimi articoli di Maria Rosaria Iuliucci nel suo blog “Cammina Nel Sole” ——-> http://www.camminanelsole.com e vi si aprirà un mondo: lì saranno descritti gli eventi cosmici ed astronomici e la loro risonanza sul nostro cammino.
Ma arriviamo all’argomento focale di questo articolo, i sogni!
Chi mi segue ha già letto dei miei articoli sui sogni pubblicati tempo fa, e sa che per me i sogni sono un linguaggio e rappresentano un aspetto di vitale importanza. I sogni sono una dimensione in cui viviamo la nostra vita non meno di quanto la viviamo nella realtà materiale, anzi, nei sogni comunichiamo in modo molto più primordiale con il Tutto, il Superiore. Tuttavia il linguaggio onirico non è sempre di facile comprensione, si riveste di simboli non sempre facili da decifrare con la mente razionale.
Sto sempre attento ai sogni che faccio, ai simboli ricorrenti, alle energie cosmiche in atto e al loro effetto sulla mia vita onirica. Fatelo anche voi! Aprirete una nuova finestra in voi stessi e ne coglierete i messaggi e suggerimenti.

Ebbene…puntuali come un orologio, in linea con l’energia prorompente e dispettosa di settembre, proprio loro mi hanno confermato quasi ogni notte che questo mese ci sarà da lavorare e che il seminato, contestualmente e proporzionalmente alla situazione di ogni individuo, darà i suoi frutti agli “uomini di buona volontà”.
Il linguaggio onirico influenzato dalla nuova energia in arrivo ci ” costringe ” attraverso i sogni a soffermarci e riflettere proprio su due aspetti tipici di questo settembre: la crescita evolutiva e la presa di coscienza delle energie ancora fortemente legate alla realtà materiale.
Come riconoscere i sogni riconducibili a questi movimenti energetici? Direi che è difficile e facile al tempo stesso. Difficile perché i sogni si vestono di simboli che sono estremamente individuali e personali; facile perché esistono tuttavia dei simboli inequivocabili e universalmente riconosciuti, alcuni dei quali sono veri e propri archetipi.

Scopriamoli insieme:
• la Terra, intesa come elemento: non meravigliatevi se l’elemento Terra compare sovente nei vostri sogni in questo periodo. Può manifestarsi sotto forma di terremoti, frane, ma anche pietre e campi. La Terra rappresenta la realtà materiale, la solidità, la densità, la concretezza della vita, tutto ciò che è ancora legato alla dimensione tridimensionale, quindi anche istinti e sentimenti non originati dal cuore. I terremoti, in particolare, indicano l’agitarsi dei conflitti interiori che l’energia in arrivo cerca di portare alla luce e smuovere. Chiedetevi cosa vi pone in conflitto con voi stessi e con gli altri, chiedetevi quali sono le questioni materiali che vi impediscono di andare avanti, che frenano il vostro percorso. Potrebbe essere un bisogno mai soddisfatto (bisogno di affetto, di autonomia ecc), un conflitto personale (non accettazione del sé, conflitti-specchio con persone), frustrazioni mai espresse e mai realmente metabolizzati a livello profondo. Tutti questi elementi cozzano e si agitano tra loro perché ora più che mai SONO RICHIAMATI IN SUPERFICIE, ALLA COSCIENZA.
Un’altro sogno tipico, è il non riuscire a correre perché le gambe si muovono al rallentatore, sono pesanti. Il sognatore si sforza di correre, di muoversi, ma ogni passo avanti è faticoso e genera un gran senso di frustrazione. Sappiate che, anche se non sembra, pure questo è un sogno di Terra. Le gambe, i piedi, sono gli strumenti simbolici con cui ci spostiamo nella vita, con cui portiamo avanti il nostro cammino sforzandoci di adattarlo alle necessità materiali: il lavoro, la famiglia, lo stress, gli impegni, le relazioni.
La lentezza nell’andare avanti, nel procedere, può sembrare negativa in sogno ma non lo è. Lo sforzo genera comunque un movimento! I passi avanti ci sono…lenti, faticosi, ma ci sono! Ci costringono a rimanere legati alla realtà tridimensionale più di quanto avremmo voluto, ma non è una condizione permanente ☺
Non devono preoccuparvi queste immagini oniriche, nessuno di noi è esente dal dover assolvere agli obblighi che la vita in vario modo e misura comporta.
Spesso il nostro desiderio di evoluzione e crescita è così forte che questi sogni ci avviliscono. Ma ricordate: non ascoltate chi dice che ci sono delle scadenze per evolvere, che questo è il momento e chi non ha raggiunto l’obiettivo rimarrà indietro. Non ci sono tempi stabiliti, non ci sono momenti da rispettare. Certo, ci sono dei momenti più o meno favorevoli. Nessuno rimane tagliato fuori, a nessuno viene preclusa la possibilità di fare un balzo in avanti. Ricordate che ognuno di noi è un microcosmo e che tutto arriva nel momento più adatto e consono.
Altri sogni simili possono essere il perdere il treno, l’arrivare tardi, in qualsiasi contesto.
• l’Acqua: è un bellissimo simbolo, come la Terra fa parte dei simboli archetipali. Acqua, acqua…tanta acqua. Io da inizio settembre la sogno spessissimo.
Quale simbolo può esprimere meglio di questo la purificazione? Ruscelli, laghetti, fontane, sorgenti. Ho sognato tutte queste cose!
Sappiate che il messaggio è chiaro ed è in piena conformità con l’energia di settembre. Se la Terra in sogno ci dice “hei, qui ci sono dei conflitti, prestaci attenzione, riflettici!”, l’Acqua invece sembra dirci “prendi consapevolezza di tutti quei conflitti e purificali per elevarti”.
Il simbolismo dell’Acqua si ricollega al rituale del battesimo. Non associate la parola “battesimo” al rituale della religione cristiana. In realtà esso altro non è che un rituale ben più antico del cristianesimo: l’iniziazione! È proprio così, il battesimo altro non è che una forma di iniziazione. Attraverso di esso il battezzato abbandona l’esistenza profana per elevarsi ad un’esistenza sacra. Da un’esistenza senza Dio ad un’esistenza in, con e per Dio.
Questo è l’ulteriore svolta che l’energia settembrina stimola in ognuno di noi: il passaggio dal profano al sacro. I nostri nodi, i nostri ostacoli, le nostre difficoltà, non devono essere mortificate ma rese sacre! E questo avviene quando le illuminiamo con la nostra consapevolezza e le purifichiamo con il nostro impegno, la nostra energia, in conformità con quelle universali.
Non spaventatevi se l’Acqua che sognate è sporca…la “sporcizia” viene palesata e resa manifesta. In questo caso è importante fermarsi e aprirsi a sé stessi con benevolenza e coraggio, analizzando ciò che ci turba, ciò che reprimiamo, sia riguardo  noi stessi sia riguardo gli altri.

APERTURA. È ora per ognuno di noi di accedere al nostro essere più profondo, senza giudizio, senza vergogna, senza aspettative, senza paura.
I sogni vi guidano e vi danno importanti indizi, dedicategli l’attenzione che meritano e ringraziate l’universo per i messaggi che attraverso di loro manifesta.

Vi abbraccio calorosamente,
Buon settembre, buoni sogni… Buona vita! ☺
Daniele (Nonmiricordochi)

Vi invito se lo desiderate a condividere le vostre esperienze in merito e a porre qualsiasi eventuale domanda vi venga in mente.
La copia e/o la riproduzione di questo articolo o di una sua parte sono consentiti con CITAZIONE ESPLICITA DELLA FONTE. Le immagini presenti provengono dal repertorio Google Images.

Osho e i corpi energetici del futuro

IMG_52891769824097

“Fino ad oggi la materia era affidabile, c’era certezza riguardo alla materia. Ma la parte più profonda della materia che sia stata scoperta, l’energia atomica, è molto instabile. Il suo comportamento non può essere predetto. Prima la scienza confermava la stabilità della materia, diceva che ogni cosa è precisa ed è finita.
Ora lo scienziato non ha questa pretesa perché al punto in cui è arrivata oggi la ricerca, questa certezza è molto superficiale: dove c’è instabilità è inevitabile che ci sia coscienza, altrimenti l’instabilità non potrebbe esistere. L’incertezza è parte della coscienza, la certezza è parte della materia. Siamo sicuri della materia ma mai della coscienza.
Perciò quando la scienza ha accettato l’instabilità nel comportamento della porzione più infinitesimale dell’atomo, ha anche accettato la possibilità della coscienza come ultima parte della materia. L’incertezza è la qualità della coscienza ma la materia non può essere imprevedibile: non è che il fuoco possa scegliere quando bruciare e quando no, l’acqua scegliere di scorrere nella direzione che le piace o di bollire a qualunque temperatura le venga in mente. Le funzioni della materia sono determinate ma quando entriamo in profondità nella materia troviamo che in ultimo è non determinata. Potete metterla così: se vogliamo sapere quanta gente muore a Bombay, questo è possibile. Se ci sono 10 milioni di persone, possiamo prendere il numero di morti in un anno e trovare approssimativamente quanti ne muoiono al giorno, e questo sarà quasi corretto. Se calcoliamo il tasso di mortalità mondiale la cifra sarà ancora più esatta. Ma se vogliamo sapere quando muore una persona specifica i nostri calcoli saranno molto approssimativi: più grande è la folla, più le cose diventano materiali. Più individuale è il fenomeno, più troviamo la coscienza. Infatti una singola porzione di materia è formata da milioni di atomi, perciò possiamo prevedere il suo comportamento. Ma se penetriamo nell’atomo e consideriamo l’elettrone, troviamo che è individuale: non possiamo determinarne il corso e sembra che esso decida per conto proprio. Ecco perché la scienza ha cambiato linguaggio, passando dalla certezza alla probabilità: quando la ricerca scientifica è arrivata in profondità, tutti i concetti precedenti hanno cominciato ad andare in frantumi. La ragione è perché senza saperlo, la scienza è effettivamente passata dal regno fisico al piano eterico, del quale non ha comprensione. Ha raggiunto la seconda dimensione della materia: la dimensione eterica. E questa ha le sue specifiche possibilità.” Osho Rajneesh

Ho voluto iniziare l’articolo di oggi con questa importante citazione del Maestro Illuminato Osho, che spiega in modo direi ottimale il tema centrale che vorrei trattare: i campi e soprattutto i CORPI energetici che vanno oltre la materia. Al giorno d’oggi sappiamo bene che la scienza fa molta fatica ad accettare la realtà che le si sta presentando, una realtà che va al di là di tutto ciò che la scienza stessa ha fino ad ora indagato e scoperto, ma che la tradizione e la cultura orientali già conoscevano da millenni.
Si stanno scoprendo nuove forme di materia, per la precisione nuove particelle che sembrano non rispondere a nessuna delle regole e delle leggi che governano il funzionamento e il comportamento degli atomi. Inoltre queste nuove particelle sembrano interagire in modo del tutto nuovo con ciò che le circonda e con chi le osserva. Queste particelle prendono il nome di tachioni.  Sarà questa la sfida del futuro per la scienza: scoprire queste nuove particelle e capirne il funzionamento, perché pare che da questa comprensione dipenda la scoperta di tanti altri fenomeni che vengono etichettati quasi sempre in malo modo: sto parlando di facoltà come la telepatia per esempio. Immaginate l’abissale importanza che avrebbe la scoperta scientifica di altri corpi energetici oltre a quelli fisici…sarebbe una vera rivoluzione. Per non parlare del fatto che queste scoperte potrebbero spiegare in modo definitivo i meccanismi di funzionamento di alcune terapie sottili come l’omeopatia, la pranoterapia ecc.
Osho parlava del corpo eterico, ovvero il primo corpo più denso dopo quello fisico. Ecco, per questo corpo la scienza sta già avendo qualche riscontro. Ma la scoperta più grande, ovviamente per chi non è già consapevole, sarebbe proprio la possibilità di diventare coscienti e consapevoli di questo corpo, che rimane ancora legato alla forma umana.
Il “problema” è che diventare consapevoli di questo corpo sottile significherebbe capire e comprendere la realtà della nostra esistenza sulla terra, e assumercene la completa responsabilità. Non esisterebbe più un “io” e un “tu”, ma sempre e solo un ” io”. In ogni cosa che riceviamo e che ci accade, bella o brutta che sia, troveremo sempre lo specchio di noi stessi. Tutto questo implica che l’umanità tornerebbe proprietaria della propria vita.
Ed è qui che ci dovremmo porre delle domande: chi ci governa, chi ci vende prodotti e chi ci vuole pieni di paure e preoccupazioni, sarà contento di questa svolta nell’umanità? Permetterà il diffondersi di questa nuova conoscenza? Per quanto ancora la scienza potrà negare l’esistenza di realtà che vanno oltre ciò che siamo abituati a concepire?
Domande che rimarranno senza risposta, per ora. Ma ognuno di noi deve essere ben consapevole che siamo molto più di quello che ci fanno credere: portiamo dentro di noi l’infinito dell’universo. Impariamo quindi ad essere infiniti e senza bariere, esploriamo senza stancarci mai il nostro essere più puro e profondo.

A voi tutti, il mio migliore augurio di buona vita. 🌈

Daniele Percorsi Di Luce (Nonmiricordochi) 🙂

© La copia di questo articolo o di una sua parte è concesso con citazione esplicita della fonte e del blog Percorsi Di Luce.

Perchè anche gli animali sono esseri spirituali in evoluzione…

IMG_203333333539631
L’anima è uguale in tutti gli esseri viventi, sebbene il corpo di ognuno sia differente. (Ippocrate)

Per chi come me ha al suo fianco un animale domestico, non sarà possibile negare che nei nostri amici pelosi si nasconde qualcosa di infinito, di indescrivibile. Un’anima tanto profonda quanto la nostra, che trapela dai loro occhi in ogni sguardo che ci rivolgono. Guardandoli intensamente si può quasi percepire l’essenza del loro spirito. Uno spirito selvaggio, in cerca di un’altro spirito affine con cui trascorrere l’esistenza.

Più stanno al nostro fianco, più i nostri piccoli amici acquisiscono un comportamento peculiare, sviluppano tratti di personalità ben definiti e individuali. Il loro spirito selvaggio (selvaggio nel senso che è fortemente legato alla natura) si “umanizza”, ma non perde mai le sue radici.

Nel brano che vi propongo uno dei miei scrittori preferiti spiega l’immensità spirituale che celano i nostri amici animali, spiega quanto il loro legame con noi sia sempre bilaterale: è uno scampio evolutivo.

Non perdetevi questo passaggio, imparerete qualcosa che forse cambierà il vostro modo di concepire il rapporto con il vostro Amico Animale 🙂

” […] Per l’egocentrismo dell’era moderna, gli esseri umani sono diventati sovrani, e sono ritenuti i soli esseri coscienti sul pianeta. Ritornando al sè della Natura, individuiamo l’errore di questo modo di pensare.
Solo perchè gli animali e le piante non parlano, non significa che non possano comunicare e che non abbiano una consapevolezza. Alcune specie evolute di animali hanno schemi di comportamento sociali molto complessi e possiedono i rudimenti del linguaggio. Gli animali domestici hanno un comportamento più sofisticato rispetto agli animali selvatici a causa della loro interazione con gli esseri umani: sviluppano presto una “personalità” che risulta trasparente. 
É stupido dire che un animale non ha sentimenti e pensieri, e soprattutto che non comunica.
Se hai un piccolo animale domestico, prendilo in braccio, chiudi gli occhi e ascolta il suo cuore. Imparerai qualcosa di totalmente nuovo sul tuo piccolo compagno. Ti parlerà. Ti accorgerai che la tua relazione con lui, il fatto stesso di rivolgergli l’attenzione e di concentrarsi su di lui, lo porta nella TUA evoluzione: la sua spiritualità è dentro la tua, giungi a comprendere che fa affidamento su di te per la sua crescita spirituale. Quando non sei nei paraggi, esso ritorna allo spirito animale collettivo al quale appartiene. Ma non appena ti mostri, fa un balzo fuori da quello spirito collettivo, si rende più individualizzato, e si protende verso di te: con questo movimento “avanti e indietro” sviluppa la personalità, il primo passo verso un’anima individualizzata. PERCHÉ ANIMA NON è ALTRO CHE IL TERMINE SPIRITUALE CHE USIAMO PER I TRATTI E LE MEMORIE COSTITUENTI LA PERSONALITÀ UMANA.
Il processo dell’evoluzione spirituale degli animali non è affatto differente da quello umano. Cosa siamo se non animali che si sono evoluti un po’ più di quanto abbiano fatto gli altri? SIAMO FATTI DI POLVERE DI STELLE ESTINTE, E TALE POLVERE SI è FATTA STRADA NEL BRODO PRIMORDIALE esistente sulla Terra alle origini. OGNI COSA VIVENTE OGGI PROVIENE IN UN MODO O NELL’ALTRO DA QUEL BRODO PRIMORDIALE. Chi può dire che un tipo di evoluzione sia più speciale di un altro?.” 

Se vi piace e siete d’accordo con me sull’importanza e sulla profondità del rapporto con i nostri Animali, aiutatemi a condividere questo articoletto.

Ci tengo particolarmente.
Un grazie di cuore, anche solo per averlo letto 🙂

Nonmiricordochi (Daniele)

Riproduzione e copia consentite CON CITAZIONE DELLA FONTE.