Archivi tag: Energie

I PROSSIMI CAMBIAMENTI ENERGETICI: DALLE EMOZIONI ROSSE DELL’ “ANNO FEGATO” ALL’INTEGRAZIONE DEL CUORE YIN

image
Immagine da repertorio Google

Buonasera Esseri luminosi 🙂

Trovo appena un momento libero per scrivere, per condividere sensazioni e percezioni, perché condividere significa crescere e aprirsi.
Scrivo dopo giorni intensi e impegnativi tanto a livello pratico quanto energetico ed emotivo.

Che dire…i giorni scorsi sono stati intrisi di energia nell’aria e fortunatamente con il novilunio del 24 la situazione si sta armonizzando.

Ma andiamo a parlarne nel dettaglio:
Nei giorni scorsi si è assistito ad una intensificazione dell’energia legata alle cosiddette “emozioni rosse”: rabbia, irritazione, nervosismo, intolleranza ecc.
Le emozioni rosse sono collegate all’asse fegato-stomaco e la cosa curiosa che ho scoperto tramite una amica virtuale, Maria Rosaria Iuliucci di ” Cammina Nel Sole”, è proprio che secondo il calendario cinese ORA si sta concludendo l’anno legato al Fegato per passare all’anno legato al Cuore. Precisamente questo passaggio avverrà il giorno 8 febbraio.
Sembra quindi che questo sia lo strascico estremo di un anno particolarmente pesante e denso, faticoso e causa di stanchezza fisica e mentale.

Ho avuto questa conferma parlando con amici e conoscenti…queste ultime due settimane (circa) sono state veramente un concentrato di tensione in cui le emozioni rosse sono state protagoniste.
Io ovviamente posso solo parlare dell’effetto che questa energia ha avuto SU DI ME, ma sono sicuro che, calando questa informazione nel vostro vissuto personale, riscontrerete che in un ambito piuttosto che in un altro siete stati suscettibili alle emozioni rosse.

Ho la sensazione (suffragata anche dai miei sogni che come dico sempre mi “parlano”) che questa energia che ci ha influenzato abbia toccato in particolare la sfera dei limiti, dei confini,delle restrizioni alla libertà; e contemporaneamente quella della “voce della verità”. Questo va poi contestualizzato nell’ambito della VOSTRA esistenza personale.
Spiego meglio questi aspetti basandomi sui miei vissuti:
Ciò che ho provato nell’arco di questo periodo è stato un profondo senso di irritazione e rivalsa verso tutto ciò che vedevo come limite alla mia libertà e verso tutto ciò che vedevo come ingiusto o venefico. Dentro di me c’era come un ribollire di magma…di cui ora è rimasta una leggerissima traccia. Tutto mi infastidiva, e mi verrebbe da dire anche “tutti” riferito alle persone .
Quei comportamenti superficiali e privi di consapevolezza da parte delle persone mi rendevano letteralmente intollerante. La convivenza con mio padre, che già è dura, è divenuta insostenibile e fonte di rabbia e frustrazione. Tutto ciò che non andava come doveva, sia esso un piccolo disguido o un malfunzionamento mi mandavano in tilt. Tutte le mancanze di rispetto verso il mio essere, anche piccole e insignificanti, mi irritavano a dismisura.
E anche la voglia e l’istinto di affermare il mio spazio, il mio essere, e probabilmente anche il mio ego, è venuta a galla in modo possente.

Devo ammetterlo: per me che sono un bilancia amante dell’equilibrio, della diplomazia, della neutralità…è stata veramente una novità questa spontanea voglia di non risparmiare parole a nessuno. L’impulso di bacchettare e sentenziare è stato molto forte. E qui infatti entriamo già nell’ambito della “voce della verità”.
Penso che ognuno di voi in un modo o nell’altro abbia sofferto per il mancato riconoscimento delle proprie verità, o per il venire a contatto con informazioni che voi sapevate essere inesatte rispetto a uno o più ambiti che vi stanno a cuore.
Io ad esempio leggendo certi post su facebook e certi articoli online…avrei avuto voglia di fare una bella discussione e una bella ramanzina a chi spaccia verità preconfezionate e percorsi spirituali standardizzati per tutti.
Ma questo lo posso dire anche per ciò che riguarda la vita concreta e le persone reali. Chiunque volesse, volontariamente o meno, celare la verità o distorcerla, alimentava quel fuoco dentro di me e mi spingeva a uscire dai mie confini naturali.

Ora pian piano sto tornando in me, ma non voglio con questo dire che tutto ciò sia stato e sia negativo. Queste etichettature in realtà non esistono. Tutto è funzionale, tutto ha un suo “perché” e una sua precisa ragione d’essere. E a me questa è apparsa chiara e cristallina, nel senso che ciò che ho sentito e provato l’ho compreso, ho saputo leggere dietro a queste manifestazioni comprendendone le motivazioni risalenti al mio stesso essere.

E ORA? VERSO QUALE TAPPA ENERGETICA CI STIAMO PER MUOVERE?

Pare che, come anticipato e verificato sulla propria pelle, si stia tornando progressivamente a un equilibrio più… EQUILIBRATO 😂😂
Ci avviciniamo verso il mutamento energetico che ci riporterà all’energia del Cuore.
Vi ricordo che il cuore è anche sede del quarto chakra, Anahata, il primo chakra in cui l’Ego viene trasceso, sublimato, in cui si compie l’integrazione: tra Spirito e materia, tra Alto e Basso, tra dentro e fuori, tra mente e il corpo, tra il “me” e il “te” ecc.
Nella medicina tradizionale cinese il cuore è un organo YIN, governa il sangue pompandolo nell’intero organismo, ma soprattutto ospita lo SHEN, lo Spirito, e per questo è considerato l’imperatore del corpo.

Ma ogni parte ha una sua contro-parte. Essendo il cuore YIN, esso è in relazione a una controparte YANG: l’intestino tenue e il triplice riscaldatore.
Il primo presiede all’assimilazione delle sostanze nutritive e porta a termine le trasformazioni iniziate nello stomaco; il secondo governa la trasformazione degli alimenti, produce, regola e stimola il percorso dell’energia e dei liquidi vitali in tutto l’organismo.
Questi organi rientrano nel complesso del secondo chakra, Svadhistana. La funzione simbolica dell’intestino è quella di discernere tra bene e male, di cogliere l’attimo. L’intestino è anche la sede del “passato trattenuto” e del “passato indesiderato”. Nulla nuoce di più all’intestino che trattenere il passato (stitichezza e stipsi) o del volersene liberare a tutti i costi (diarrea). Proprio l’energia del cuore YIN ci indica la via…l’integrazione!
Ma possiamo dire che tutto ciò che riguarda il trattenere ricade sull’intestino. Ad esempio l’avarizia è un trattenere ricchezze per sè stessi.
Insomma, l’intestino è l’organo che assorbe tutto ciò che c’è di buono, tutto ciò che c’è di utile…lasciando andare ciò che non gli può servire. Se solo noi sapessimo imparare dai nostri organi! Ovvero INTEGRARE tutto ciò che di buono c’è nell’esistenza e lasciar andare ciò che non ci può essere più di utilità.
Come preparasi a questo cambiamento? Prima di tutto cercate di rilassarvi e di allentare le tensioni…così quando ci sarà l’entrata di questa nuova energia, essa troverà subito un terreno fertile. Potete fare come più vi si addice: meditazioni, yoga ecc. Potete aiutarvi con qualche buona tisana distensiva: fiori di Arancio, Lavanda, Tiglio, Camomilla e Valeriana. Oppure se preferite qualcosa di più semplice da assumere potete provare le gocce idroalcoliche (Melissa, Passiflora, Valeriana, Biancospino ecc) chiedendo in erboristeria quale sia la pianta più adatta a voi.
In casa potete usare il bruciaessenze in cui riporre dell’olio essenziale di Lavanda o Mandarino, o di ciò che su di voi ha un effetto rilassante.
Per l’intestino, soprattutto se accusate qualche sintomo, potete prepararvi con dei fermenti lattici, meglio se vivi. Se ne sentite il bisogno provvedete a fare una pulizia di questo organo, chiedendo a chi di vostra fiducia (erboristeria, naturopata, farmacista ecc) di individuare il metodo più adatto a voi, dato che è molto soggettivo.

Vedete…tutto torna. Abbiamo sì in arrivo una energia legata al cuore YIN, in cui come detto prima l’ego viene superato e sublimato, ma questa ci indica anche un organo YANG su cui lavorare, un organo del 2° chakra dove ancora permane la componente dell’ego…INTEGRARE…INTEGRARE 💙
Non demonizzare o reprimere ma INTEGRARE
🙂

Questo processo ci porterà, SE CI ASSUMEREMO LA RESPONSABILITÀ DI INTRAPRENDERLO, alla realizzazione del nostro essere, a una forma di libertà più elevata. Non significa non avere più problemi e avere una vita perfetta. Questo deve essere chiaro. Significa che il nostro essere saprà INTEGRARE tutto in modo più ampio ed “alto”.
Contempliamo il silenzio penetrante ed esistenziale che sono rifugiandoci nel nostro cuore possiamo trovare. Ascoltiamo questo silenzio e capiremo cosa e come fare 💙

Ricordate: nessuna energia cosmica vi cambierà la vita in automatico. Nessuna energia esterna può lavorare al posto vostro. C’è una legge sacrosanta che nemmeno il cosmo può scavalcare: quella del LIBERO ARBITRIO.
Nessuna energia vi farà fare ” salti dimensionali ” (che poi…esistono davvero?), nessuna energia vi porterà via i problemi o cambierà il vostro essere, se voi non volete questo. Se voi non date la vostra adesione con tutto il vostro luminoso essere.

Buon lavoro care Anime…vi abbraccio con affetto. Siate luce 🌈🌈

Daniele Percorsi Di Luce

Un ringraziamento speciale a tutte le Anime che si confrontano con me e che volontariamente o meno mi aiutano 🙂 Grazie a Maria Rosaria, a Emilia, a Vita, al gruppo Reiki di cui faccio parte, a Sam, a Samantha and so on…

© La copia o la riproduzione, anche parziale, di questo articolo sono consentite esclusivamente con citazione della fonte e del blog Percorsi Di Luce.

N.b.: nessuno dei consigli su piante e rimedi è da intendersi come parere medico o prescrizione.

Annunci

Sai cosa voglio realmente? Non perdere mai la Sensibilità…

“Sai cosa voglio realmente? 
Non perdere mai la sensibilità,
anche se a volte strappa via un poco d’anima,
perché senza lei non potrei comprendere me stessa.”

Clarice Lispector

Sarò sincero: non conosco l’autrice di questa citazione e non la pubblico certamente per vantare una conoscenza letteraria che in questo caso non ho.

Si può dire che ho incontrato questa citazione per caso in un gruppo facebook parecchio tempo fa, l’ho incontrata come si incontrano le persone che non ci si aspetta di incontrare… e che ci lasciano qualcosa anche quando non le conosciamo… una sensazione, un’impressione, un’emozione, un risentito.

Ebbene quando ho incontrato questa citazione essa mi ha lasciato senza fiato, per alcuni istanti non esisteva altro che lei ed io… e le sue parole hanno riempito ogni anfratto del mio essere.
È come quando si cerca una risposta per molto tempo e questa è esattamente davanti i tuoi occhi o ancora meglio fa parte del tuo stesso essere… la conosci la risposta ma non sai definirla e metterla a fuoco… finché non arriva qualcosa o qualcuno che fa scattare il meccanismo della rivelazione… quell’attimo fulmineo e rivelatorio che in letteratura viene chiamato momento epifanico.
Ed ecco che ciò che prima era confuso e indefinito poi diventa chiaro e limpido.

Cosa ha significato per me incontrare questa citazione? quale rivelazione mi ha trasmesso?

“Semplice”…

Fino a non molto tempo fa… la mia sensibilità a volte mi ha fatto sentire maledetto…la sentivo cucita addosso come un abito scomodo che si vorrebbe cambiare…ma che non si toglie, non si strappa, non si cambia.
Perché è vero… la sensibilità può essere il punto di partenza di molte vie… e di altrettanti destini: a volte quello dell’auto-distruzione, a volte quello della percezione, a volte quello della solitudine, della sofferenza, a volte quello dell’altruismo, dell’amore….e tanti altri.
Non so su quali vie mi abbia condotto la mia sensibilità… anzi, lo so, ma ancora non del tutto. Forse ho percorso in vario modo alcune delle vie che ho citato sopra, e forse alcune le ho percorse contemporaneamente. Mentre altre sono ancora da scoprire.

Ma so per certo che… mi ha davvero ” strappato via un poco d’anima” questa sensibilità.

Quello che però non mi era perfettamente chiaro è che l’anima sa rigenerarsi… se le si concede di farlo. E concederle di farlo è ciò che la natura divina, in noi, ci chiede. È ciò che siamo chiamati a intraprendente in questa vita… perché senza questa scelta arbitraria e consapevole… non si potrà mai comprendere sé stessi.
E non si può comprendere dal basso ciò che è più “elevato”… se prima appunto non si ha consapevolezza e chiarezza del ” basso” stesso. (Scusate il messaggio criptico ma chi lo saprà capire lo capirà 🙂 )

Grazie sensibilità, grazie per i pezzetti d’anima che mi hai strappato…

Da essi si è rigenerata un’anima nuova…un’anima sempre più capace di comprendere sé stessa… e di essere soddisfatta di sé stessa.

Non più maledizione… ma luminosa benedizione.
Anche se questi sono solo paradigmi dell’egomente 🙂

A tutti i sensibili… siate ciò che siete e concedetevi di rigenerarvi, ognuno “secondo il giudizio dell’anima sua” 🙂

Vi saluto calorosamente, siate Luce 🙂 🌈
Daniele Percorsi Di Luce (Nonmiricordochi) 🙂

© La copia o la citazione di questo articolo sono consentite esclusivamente con citazione esplicita della fonte e senza alcuna modifica anche parziale del testo.

Movimenti energetici del 2016…guardando gli Astri

image
Immagine da repertorio Google Images

Buonasera cari lettori,
Siamo in cammino verso un anno nuovo che sarà caratterizzato da importanti aspetti planetari che con le loro energie ci accompagneranno nel nostro viaggio personale in questo meravoglioso universo.
A svelarci tali aspetti è Stefania Marinelli, esperta di astrologia intuitiva che direttamente dal suo blog si impegna a condividere la sua conoscenza.
FONTE ORIGINALE: Stefania Marinelli, dal suo blog “Astrologia intuitiva-Il blog di Stefania Marinelli”

ASPETTI PLANETARI DEL 2016 – PARTE I – GIOVE IN VERGINE RETROGRADO – RISALIRE ALL’ORIGINE DEL CAOS E PORTARE ORDINE

Questo è il primo post di una serie che scriverò nei prossimi giorni per illustrare i principali movimenti planetari del 2016, così da creare un tracciato delle forze in gioco e quale sia il dono che Esse ci mettono a disposizione.
In generale il 2016 è un anno 9, e come tale possiede la qualità di portare a termine un ciclo, il che molte volte significa vedere un risultato dopo tanti anni di rincorsa. Uno dopo l’altro si susseguiranno durante quest’anno aspetti molto interessanti per raggiungere una buona manifestazione del nostro Oro Interiore, la Saggezza antica frutto delle fatiche di tante vite. Possiamo così rendere onore a noi stessi riconoscendoci un valore e mettendo in pratica i nostri talenti, qualunque essi siano.
Il primo passo importante verso lo svolgimento di questo tracciato di Vita lo compie Giove il Magnifico, il pianeta più grande del nostro sistema dopo il Sole. Esso si trova dallo scorso agosto nel segno di Terra della Vergine, legato al senso di purezza, il segno che ci ricorda l’esistenza di uno scopo superiore rispetto allo scorrere del tempo e alla ripetizione insensata di uno schema. Dalla sua posizione Giove ci ispira a dare un ordine alle nostre giornate, a ripulire gli armadi, soprattutto dagli scheletri del passato. Ci aiuta a svegliarci dal sonno ipnotico in cui siamo immersi, e lo farà fino al prossimo settembre 2016.
Il 09 gennaio, e fino al 10 maggio 2016, Giove entra in retrogradazione e fornisce alla Coscienza collettiva del pianeta Terra l’opportunità di risalire all’origine di quello che è il caos dentro cui ciascuno di noi, a modo suo, si trova. Ciò significa che saremo portati a ricordare, troveremo il bandolo della matassa da cui tutto è cominciato. Magari accadrà attraverso un sogno, o un parente che ci fornirà dei pezzi mancanti al nostro puzzle. Qualunque sia il modo, ci verranno fornite informazioni, anche intuitive, per comprendere. Ovviamente dovremo avere il coraggio di stare fermi di fronte a quello che si svelerà (non che questo debba essere necessariamente negativo, anzi!) ma il dono che ne deriverà sarà immenso. In primis sentiremo di aver finalmente trovato il nostro posto e l’energia bloccata riprenderà a fluire. Da lì in avanti inizieremo a vivere veramente.
L’atteggiamento migliore per prendere il massimo da questo aspetto è ovviamente quello d’ascolto e soprattutto di stare lontano dalle aspettative, permettendo che la Vita si muova come è meglio, così manderemo avanti il Cuore, che è il nostro Sacro Spazio.
Questo è un aspetto molto forte per chi ha Sole, Luna e Ascendente in Vergine, Pesci, Gemelli e Sagittario, ma ciascuno di noi ha un settore della propria mappa stellare che cade sotto la Vergine. Quindi tutti possiamo trarre un grande dono da questo movimento indietro nel tempo che va a recuperare la nostra Verità interiore e ci porta tanto auto-riconoscimento. Potremo tirare un sospiro di sollievo!
Immaginiamo una strada lunga e diritta davanti a noi e iniziamo a muovere i primi passi verso il Maestro che siamo!

ASPETTI PLANETARI DEL 2016 – PARTE II – IL NOVILUNIO DI GENNAIO, L’ATTIVAZIONE DELLA VISTA SUPERIORE

Continuano i post sugli aspetti planetari più salienti del 2016 e si prosegue con il Novilunio in Capricorno del 10 gennaio, quando Sole e Luna si congiungeranno a Plutone. I due Luminari, fonti della coscienza quotidiana, del sé vigile, entreranno in contatto con il pianeta simbolo dell’inconscio, l’Occhio Psichico, la vista dell’Oltre, la percezione della trama di luce nascosta sotto la densità.
E’ un immenso dono che ci viene fatto ed è uno strumento di grande utilità per analizzare il passato (grazie alla retrogradazione di Giove – leggi qui!). Questo tipo di visione ci aiuta a raggiungere uno stato di distacco necessario a trovare l’equilibrio nel vissuto, così da ripulire in modo definitivo le istanze dolorose, lasciando andare con la giusta intensità ciò che ancora ci appesantisce.
Questa triade planetaria si innesta in quella che è la Croce dei Segni Cardinali – quei segni che fanno da cardine alle stagioni, aprendo le porte al cambiamento: Ariete, Cancro, Bilancia e Capricorno.
In Ariete troviamo a Urano a 16°, in Bilancia la Lilith a 15° e in Capricorno il suddetto aspetto di congiunzione, con Plutone a 15° e Sole e Luna a 19.
Dell’opposizione tra Urano e Lilith parlerò in dettaglio nel prossimo bollettino del 13 dicembre, ma volendolo riassumere qui, essa rappresenta la Volontà di VEDERE ciò che è. Quindi sempre di vista si parla. Questa Croce Cardinale attiva lo Specchio, cioè tutta la vita, quindi le persone e gli eventi, non faranno altro che riflettere ciò che noi siamo, ciò che ha bisogno di guarigione, ciò che è necessario lasciare indietro, ciò che ha bisogno di essere visto per completare il nostro disegno d’Amore.
E’ un momento di grande delicatezza in cui assumere il giusto atteggiamento di umiltà e soprattutto diventare consapevoli che se ci sentiamo urtati o feriti o offesi da qualcuno, o ci sentiamo vittima di qualche evento, lì è necessario indagare, chiedersi il perché, farsi le giuste domande. La Vita ci sta chiedendo di prendere atto, di avere il coraggio di guardare, perché così facendo portiamo a scioglimento il passato, ci rendiamo liberi di essere, ci prendiamo la responsabilità di andare verso ciò che ci aspetta, senza indugi, senza paure e fidandoci, forse per la prima volta in vita nostra.
Fiducia che stiamo costruendo una strada consona alla nostra forza interiore – questo è il dono del primo Novilunio del 2016 – e fiducia che sapremo leggere i segnali per arrivare dove la Vita ci attende.

Link alla fonte originaria:
Parte 1: http://ashtalan.blogspot.it/2015/12/aspetti-planetari-del-2016-parte-i.html
Parte 2: http://ashtalan.blogspot.it/2015/12/aspetti-planetari-del-2016-parte-ii-il.html

Sperando che queste indicazioni possano guidarvi e illuminare il vostro cammino, vi auguro buona Vita 🙂

Suggerimento: copiate e incollate questi aspetti, o salvateli tra i preferiti, in modo che quando ne avrete bisogno questi suggerimenti saranno sempre a portata di mano. Oppure quando sentirete di passare un momento particolare e non saprete il perché, tornate a leggere velocemente queste righe…vi assicuro che troverete risposta ai vostri dubbi ☺
E ricordate…se copiate questo articolo o lo condividete sui vostri siti, abbiate cura di citare esplicitamente la fonte da cui proviene, cioè dal blog di Stefania. È un modo per rispettare il lavoro degli altri e la loro dedizione.
Seguitemi anche sulla pagina Facebook Percorsi Di Luce 🙂

Daniele